Farmacogenetica e metabolismo individuale dei farmaci in gravidanza

GINECOLOGIA E PERINATALE A ZURIGO > Farmacogenetica e metabolismo individuale dei farmaci in gravidanza

Nei primi tre mesi di gravidanza, circa l'80% delle donne assume almeno un farmaco. Quasi il 30% delle future mamme consuma quattro o più farmaci durante questo periodo, sia su prescrizione che da banco (senza contare le vitamine o il ferro).

I farmaci frequentemente prescritti durante la gravidanza sono antibiotici, antiemetici e farmaci per il trattamento di malattie croniche come asma, depressione, disturbi d'ansia, ipotiroidismo e dolore. Inoltre, gli anestetici locali, come quelli per l'anestesia peridurale, sono utilizzati nel corso dell'anestesia regionale intorno al parto.

La predisposizione genetica gioca un ruolo significativo nell'efficacia dei farmaci. Fino al 50% dei pazienti non può trarre sufficiente beneficio da determinati farmaci a causa della propria costituzione genetica. In alcuni casi si verificano addirittura effetti collaterali indesiderati, che possono portare a complicazioni potenzialmente letali. Un'anestesia locale inefficace, come nel caso dell'anestesia peridurale, o effetti che durano troppo a lungo sono solo alcuni esempi.

I test genetici consentono di determinare se un particolare farmaco è efficace in una persona e a quale dosaggio. In questo modo, i farmaci e il loro dosaggio possono essere adattati individualmente per ottenere il miglior effetto possibile. I farmaci e il dosaggio corretti sono particolarmente importanti durante la gravidanza e il parto.

Geni studiati
ABCB1, ADH1B, ADRB1, ADRB2, ADRB3, ALDH2, BCHE, CCR5, COMT, CYP2C9, CYP3A4, CYP2A6, CYP1A2, CYP2C19, CYP2D6, CYP3A5, DPD, G6PD, THFR, NAT2, OPRM1, PON1, SLC19A1, SLCO1B1, SOD2, TPMT, UGT1A1, VKORC1, F2, F5, PAI1.

Cellule staminali mesenchimali per il trattamento della paralisi cerebrale

20 giugno 2024

La paralisi cerebrale è una patologia che dura tutta la vita, caratterizzata da disturbi del movimento e problemi posturali causati da lesioni cerebrali non progressive. Sebbene non esista una cura, le terapie con cellule staminali mesenchimali (MSC) offrono una speranza di trattamento per riparare il sistema nervoso centrale. Gli studi dimostrano che le MSC...

Leggi di più

Ecografia tramite smartphone

8 maggio 2024

Durante un esame ecografico, le onde sonore ad alta frequenza vengono inviate attraverso il corpo e vengono riflesse dai tessuti e dagli organi sotto forma di eco. La potenza delle onde sonore dei dispositivi a ultrasuoni utilizzati in ostetricia è così bassa da non causare alcun danno a breve o a lungo termine all'organismo.

Leggi di più

Anziani e benessere

16 aprile 2024

Anzianità e benessere (il Prof. Breymann commenta l'articolo della NZZ dell'8 aprile 2024) È tempo che il tema della longevità, con tutti i suoi sviluppi a volte oscuri, venga discusso e affrontato seriamente ("La vita eterna in salute è una falsa promessa", NZZ 8...

Leggi di più