Le donne grigionesi diventano madri tardivamente

GINECOLOGIA E PERINATALE ZURIGO > Le donne grigionesi diventano madri tardivamente

Anche 50 anni fa, le donne svizzere erano più anziane della media europea quando nasceva il primo figlio. Tuttavia, ci sono differenze anche nel confronto cantonale.

Testo: Romina Kranz (Editore, Südostschweiz dal 30 gennaio 2024)

Negli ultimi 50 anni, l'età media delle donne svizzere alla nascita del primo figlio è cambiata. Secondo l'Ufficio federale di statistica, negli anni '70 le donne svizzere avevano in media 27 anni quando diventavano madri per la prima volta. A quel tempo, la differenza tra le donne svizzere e quelle straniere era minima. Tuttavia, anche a quell'epoca, le donne in Svizzera erano in media più anziane rispetto al resto d'Europa.

Le differenze di oggi

Gli studi dimostrano che l'età delle future mamme tende ad aumentare in tutta Europa. E ci sono differenze europee e cantonali nell'età media delle future mamme. "Le donne svizzere hanno in media 31,2 anni alla nascita del primo figlio, il che le rende tra le madri più anziane d'Europa, subito dopo le donne spagnole e italiane", scrive l'Ufficio federale di statistica sul suo sito web. L'età media delle donne in Europa è di 29,7 anni. Con un'età media di 32,3 anni, i Grigioni si collocano a metà classifica. Secondo le statistiche, le madri più giovani in Svizzera si trovano a Glarona (31,2 anni) e le più anziane a Basilea Città (33,4 anni).

"È ancora possibile rimanere incinta intorno ai 40 anni".

Christian Breymann
Specialista in ginecologia e ostetricia, Clinica Hirslanden

Esiste un "orologio biologico"?

Una donna può decidere da sola perché prendersi del tempo per la pianificazione familiare. Tuttavia, il tempo non deve essere trascurato quando si pianifica di avere figli. "L'orologio biologico è un dato di fatto", scrive la Clinica Hirslanden sul suo sito web. Da un punto di vista medico, si considera che una gravidanza ad alto rischio si verifichi a partire dai 35 anni. Una gravidanza viene definita a rischio perché dopo i 35 anni possono verificarsi più frequentemente aborti spontanei e alterazioni del numero dei cromosomi, come la trisomia 21.

E come se non bastasse, le donne perdono fertilità nel corso della vita. "Le donne nascono con un numero limitato di ovuli. Dalla metà alla fine dei 30 anni, il numero e la qualità degli ovuli diminuiscono in modo significativo", continua Hirslanden. Inoltre, la fecondazione degli ovuli delle donne più anziane non è più facile come quella delle donne più giovani.

Anche gli uomini sono colpiti

"Le cellule staminali invecchiano e con ogni ulteriore divisione aumenta il rischio di mutazioni e di formazione di difetti mirati nel materiale genetico, che possono portare a varie malattie", scrive Hirslanden.

Secondo Christian Breymann, specialista in ginecologia e ostetricia, è ancora possibile rimanere incinta intorno ai 40 anni. Uno stile di vita sano e un'alimentazione corretta sono utili. Le donne dovrebbero anche evitare la nicotina e il consumo elevato di alcol se stanno cercando di concepire.

È necessario prestare attenzione anche all'equilibrio vitaminico e alle carenze. Se c'è una carenza di ferro o di vitamina D, le donne dovrebbero normalizzarla o correggerla. Ma non è tutto. "È noto che l'acido folico, il complesso vitaminico B e la spermidina (un estratto di germe di grano) hanno un'influenza positiva sull'ovulazione e sulla maturazione degli ovuli", scrive Breymann. Anche gli Omega 3 e gli Omega 6 sono utili per la gravidanza. Una donna dovrebbe considerare tutto ciò che può influenzare positivamente se stessa per aumentare le sue possibilità di rimanere incinta. "Il resto dipende dalla natura e, naturalmente, dalla qualità dello sperma dell'uomo", conclude Breymann.

Cellule staminali mesenchimali per il trattamento della paralisi cerebrale

20 giugno 2024

La paralisi cerebrale è una patologia che dura tutta la vita, caratterizzata da disturbi del movimento e problemi posturali causati da lesioni cerebrali non progressive. Sebbene non esista una cura, le terapie con cellule staminali mesenchimali (MSC) offrono una speranza di trattamento per riparare il sistema nervoso centrale. Gli studi dimostrano che le MSC...

Leggi di più

Ecografia tramite smartphone

8 maggio 2024

Durante un esame ecografico, le onde sonore ad alta frequenza vengono inviate attraverso il corpo e vengono riflesse dai tessuti e dagli organi sotto forma di eco. La potenza delle onde sonore dei dispositivi a ultrasuoni utilizzati in ostetricia è così bassa da non causare alcun danno a breve o a lungo termine all'organismo.

Leggi di più

Anziani e benessere

16 aprile 2024

Anzianità e benessere (il Prof. Breymann commenta l'articolo della NZZ dell'8 aprile 2024) È tempo che il tema della longevità, con tutti i suoi sviluppi a volte oscuri, venga discusso e affrontato seriamente ("La vita eterna in salute è una falsa promessa", NZZ 8...

Leggi di più